NESXT = NET/rete + NEST/nido + NEXT/futuro


NESXT è una rete internazionale di arte, cultura e innovazione, un network e un incubatore di tendenze, ricerche e pratiche, riferito a un’area locale, nazionale e internazionale e aperto a tutti i linguaggi artistici. 

NESXT è un osservatorio in progress sul settore no profit, inteso come parte vitale e fondamentale del sistema arte ovvero una zona di ricerca e sperimentazione indipendente e in continua metamorfosi.

NESXT è un circuito di relazioni sia reale sia virtuale: da casa e forma a una serie di appuntamenti annuali, con scambi e partnership locali e internazionali, che si diffondono in un sito di archiviazione e sharing delle realtà indipendenti più interessanti del panorama innanzitutto nazionale italiano. 

 


STAFF

Direzione Artistica

Olga Gambari, curatore indipendente, critico d’arte e giornalista. Collabora dal 1996 con il quotidiano La Repubblica e dal 2001 con la rivista Flash Art. Dal 2010 è direttore del progetto editoriale www.artesera.it. Dal 2013 al 2015 è stato direttore artistico della manifestazione The Others (www.theothersfair.com).Ha sviluppato decine di progetti curatoriali per istituzioni pubbliche e spazi privati. Ha lavorato con molti giovani artisti così come con nomi storici, italiani e internazionali (Matthew Barney, Kara Walker, Kiki Smith, Ana Mendieta, Masbedo).


Comitato scientifico

Lorenzo Balbi è responsabile del coordinamento scientifico e operativo del MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, del Museo Morandi, di Casa Morandi, di Villa Rose. È stato assistente curatore alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all’Università Ca’ Foscari di Venezia, con specializzazione in Arte Contemporanea all’Università degli Studi di Torino. Collabora con il Giornale dell’Arte e il Giornale dell’Architettura; è stato direttore artistico della galleria torinese Verso Artecontemporanea. Dal 2007 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo si occupa dei progetti espositivi negli spazi dell’istituzione a Torino e a Guarene d’Alba e delle rassegne della Collezione Sandretto Re Rebaudengo all’estero. È responsabile del progetto Residenza per Giovani Curatori Stranieri dal 2015 (www.fsrr.org/ycrp). Nel 2016 è stato curatore del Pomilio Blumm Prize su Sky Arte. 

 

Serena Carbone, storica e critica d'arte. PhD in Studi Culturali Europei presso l'Università di Palermo, con uno studio monografico sull'artista Marcel Broodthaers (di prossima pubblicazione per Mimesis edizioni). Durante il dottorato è stata visiting researcher presso Paris 3-Nouvelle Sorbonne al LIRA-Laboratoire International de recherches en arts. Numerosi suoi contributi sono apparsi in riviste di settore, oggi collabora con Alfabeta2 e Exibart, per cui cura la rubrica Marginalia.

 

Pietro Gaglianò, laureato in architettura, critico d’arte e curatore. Si occupa di sistemi teorici della performance art in relazione alle forme dell’arte visiva e del teatro di ricerca; predilige il contesto urbano, architettonico e sociale come scena delle esperienze artistiche contemporanee in relazione alle libertà individuali e alle estetiche del potere. Sperimenta formati ibridi dello spazio di verifica dell’arte, innestando esperienze formative sul modello tradizionale della mostra.

 

Andrea Lacarpia, curatore e critico d’arte. Ha collaborato con diversi spazi pubblici, gallerie private e associazioni. Dal 2015 collabora con il magazine Artibune ed è direttore artistico di Edicola Radetzky, spazio del Comune di Milano gestito da Progetto Città Ideale (www.edicolaradetzky.it). Dal 2013 dirige il magazine online Cerchio (www.cerchiomagazine.com). Dal 2012 è direttore dello spazio no-profit Dimora Artica (www.dimoraartica.com).  Il principale tema della sua indagine è relativo al rapporto tra arte contemporanea e linguaggio mitico.

 

Elena Motisi (1980) architetto. Dopo alcune esperienze all’ estero, consegue il titolo di Project Manager. Responsabile di processi di alto livello con un Master Internazionale. Partecipa quindi a un Corso di alta formazione presso Scuola Normale Superiore di Pisa e consegue un Dottorato di ricerca internazionale presso lo IUAV, Venezia. Attualmente è curatore presso il museo MAXXI e lavora prevalentemente a mostre internazionali del XXI secolo e progetti site specific.Tra i progetti seguiti: YONA FRIEDMAN; Freedom of Movement; Sublimated Music; Istanbul: Passione, Gioia, Furore. Dal 2012 co-cura il progetto di ricerca The Independent - MAXXI.

 

Roberta Pagani, curatore indipendente, collabora con La Stampa. Si occupa di arte sperimentale e di ricerca, con progetti aperti alla convergenza tra discipline e rivolti all'indagine dello spazio (visivo, sonoro, architettonico) e del suo rapporto con la sfera pubblica. Ha curato personali, collettive, residenze e progetti sia in spazi privati e non convenzionali, sia in ambiti istituzionali (MAR, Artissima, Galleria Civica G.Segantini, Associazione Barriera, Castello di Rivara, Fondazione Rossini). Dal 2013 al 2015 ha collaborato alla direzione artistica di The Others (ww.theothersfair.com).

 

Marco Scotini, critico d’arte e curatore indipendente. Studioso di architettura ed estetica. Advisor dell’Area di Arti Visive NABA e curatore dell’Archivio Gianni Colombo di Milano. Direttore artistico del Pav di Torino (www.parcoartevivente.it) e del FM Centro per l'Arte Contemporanea di Milano (www.fmcca.it). Marco Scotini sarà il curatore della seconda Biennale di Yinchuan, capoluogo della regione autonoma cinese di Ningxia, che si svolgerà da giugno a settembre 2018.


Direzione organizzativa: Annalisa Russo e Olga Gambari

Coordinamento Eventi NESXT: Francesca Arri